DOMENICA 23 SETTEMBRE A FIRENZE IL SERVIZIO DIVINO PER GLI ANIMALI E IL CREATO

Domani alle ore 16 presso l’area cani dei Giardini di Via del Mezzetta (Coverciano) avrà luogo il Servizio Divino per gli animali e il Creato, iniziativa di culto pubblico organizzata dalla Chiesa Protestante Unita “Agape” di Firenze, giunta alla quarta edizione e che intende recepire le direttive del Consiglio Mondiale delle Chiese (WCC) circa il “Tempo del Creato”. Predicherà il Decano nazionale della Chiesa Protestante Unita, Rev. Andrea Panerini.
«Il cristianesimo è generalmente visto come una religione di dominio dell’uomo sul Creato e sugli animali – dice Marta Torcini, Presidente del Presbiterio della Chiesa Protestante Unita di Firenze – ma noi invece sappiamo che la Bibbia dà delle precise indicazioni: il Creato appartiene a Dio, come tutti gli animali e noi esseri umani, all’umanità è attribuita una funzione di amministrazione e abbiamo davanti agli occhi i risultati disastrosi di questa gestione umana. Il capitalismo ha sempre più acuito i già difficili rapporti tra persone umane e persone animali, sfruttando i più deboli da ambo le parti. La nostra annuale iniziativa – conclude Torcini – vuole ribadire che non tutte le Chiese sono uguali, che è possibile un cristianesimo ecologista ed animalista, che gli animali partecipano alle tribolazioni ma anche alla salvezza del Creato.»

STRAGE DI ALBERI A FIRENZE: LA CHIESA PROTESTANTE UNITA SI SCHIERA CONTRO LE POLITICHE DELL’AMMINISTRAZIONE

FIRENZE – «Segavano i rami sui quali erano seduti e si scambiavano a gran voce la loro esperienza di come segare più in fretta, e precipitarono con uno schianto, e quelli che li videro scossero la testa segando e continuarono a segare.» Questa citazione da Brecht sembra essere il paradosso più vicino a quanto sta accadendo nella città di Firenze. Dopo decine di anni di incuria, l’Amministrazione comunale ha improvvisamente deciso di occuparsi del verde pubblico, con criteri che non si comprendono: ormai da mesi vengono infatti tagliate indiscriminatamente piante centenarie, sia sane che malate, effettuate potature che lasciano solo scheletri pronti non per una rigenerazione del verde ma per l’abbattimento, eradicazioni, in tutti i viali, strade, parchi e piazze. Interventi massivi, operati considerando gli alberi alla stregua di “arredi urbani”, come le panchine, le fontane e i pali della luce. «Siamo estremamente preoccupati per un intervento che non tiene conto del fatto che gli alberi sono esseri viventi, che contribuiscono alla qualità dell’aria in città, al clima e alla temperatura» dichiara la Presidente del Presbiterio della Chiesa Protestante Unita “Agape” di Firenze e responsabile nazionale della tutela del Creato per la stessa Chiesa, dott.ssa Marta Torcini. «La giustificazione addotta dall’Amministrazione, la necessità degli abbattimenti per far posto ai cantieri della tranvia e dell’alta velocità, è per noi insufficiente a spiegare l’abbattimento anche in zone, come il lungarno di Bellariva, dove tali opere non sono previste» – prosegue la dott.ssa Torcini – «e comunque non spiega il perché di criteri di potatura “estrema” e capitozzatura che fin dagli anni ‘80 dello scorso secolo già gli agronomi avevano considerato brutali. Ci preoccupa molto anche l’affermazione fatta in una intervista dall’assessore all’ambiente del Comune di Firenze, secondo cui un albero è vecchio quando ha cinquant’anni» – continua Torcini – « e questa è la manifestazione più eclatante di una ignoranza delle caratteristiche della vegetazione urbana, che evidentemente induce l’Amministrazione a non tenere conto, né per le potature, né tanto meno per gli abbattimenti, delle quattro regole considerate fondamentali dagli esperti: lo stato di salute della pianta, la sua morfologia la sua biologia e fisiologia, il contesto in cui l’albero è inserito. Come credenti che considerano gli alberi anche in città parte del Creato, elementi essenziali per il mantenimento della biodiversità in ambiente urbano, non possiamo non esprimere il nostro fermo dissenso per questi interventi. Preoccupa anche che il comportamento dell’Amministrazione, che non pare tenere conto della volontà della cittadinanza che con numerosissime manifestazioni ha espresso il proprio convincimento che molti abbattimenti possano e debbano essere evitati, porti ad un clima di forte conflittualità. Sono infatti numerosi i ricorsi alla magistratura, gli esposti e le denunce di comitati e gruppi di cittadini contro l’abbattimento delle piante. D’altra parte riteniamo di dover appoggiare queste iniziative volte alla tutela del verde pubblico, senza considerare il valore economico delle piante abbattute, e del danno erariale conseguente», in una città che oggettivamente è fra le meno verdi d’Europa.

IL 10 SETTEMBRE SERVIZIO DIVINO PER CREATO ED ANIMALI

In considerazione dei tragici fatti di Livorno, della situazione meteologica precaria anche su Firenze con l’allerta arancione che persiste almeno fino alle ore 24 di oggi abbiamo deliberato di spostare il Servizio divino per il Creato e gli animali alle ore 18 presso L’Affratellamento, Via G.P. Orsini.

Domenica 10 settembre nel Giardino di Via Novelli alle ore 17, nell’ambito del «mese del Creato» indetto dal Consiglio Ecumenico delle Chiese, la Chiesa Protestante Unita «Agape» di Firenze e l’Associazione cristiana «Fiumi d’acqua viva – Pace, Giustizia e Salvaguardia del Creato» organizzano un Servizio divino per il Creato e gli animali.
«Siamo arrivati al terzo anno di questa iniziativa – ci spiega la Dr.ssa Marta Torcini, animalista e Moderatore del Presbiterio della Chiesa Protestante Unita di Firenze – e siamo contenti del fatto che ogni anno si presentano sempre più persone a questo evente che vuole smentire il luogo comune che le chiese cristiane siano ostili se non indifferenti alle sofferenze e alla dignità degli animali.»
Il Servizio divino sarà presieduto dal Rev. Andrea Panerini, Decano nazionale della Chiesa Protestante Unita.
Si invitano i credenti a portare i loro amici pelosi (e anche quelli non pelosi) alla liturgia in quanto sarà costruita proprio per loro.
Nel caso di grave e prolungato maltempo non passeggero (eventi atmosferici che rendano impossibile qualsiasi attività all’aperto) fin dalla mattina del 10 settembre, l’iniziativa all’aperto verrà cancellata e si procederà con il Servizio divino ordinario alle ore 18 presso L’Affratellamento in Via Giampaolo Orsini. Per ogni novità seguire il sito web e la pagina Facebook della Chiesa.
Info: 389/8858211
http://www.chiesaprotestanteunitafirenze.org
https://www.facebook.com/Chiesa-Protestante-Unita-Agape-Firenze-694660300648514/

Domenica 11 settembre Culto degli animali

In occasione del “Mese del Creato” proclamato dal Consiglio Ecumenico delle Chiese, la Chiesa Protestante Unita “Agape” di Firenze, come già nel 2015, dedica un culto ai nostri amici a quattro (e più) zampe, con benedizione e unzione, Domenica 11 settembre alle ore 11 alla Casa del Popolo di Settignano (Via S. Romano, 1).
Gli animali sono sempre stati considerati degli “oggetti” dalle varie società umane e anche dalle confessioni religiose. L’antropocentrismo della società occidentale ha profonde radici nel cristianesimo tradizionale delle varie chiese. Questo culto vuole mettere al centro loro, gli animali, soggetti viventi con pari dignità e oggetti, al nostro pari, della Provvidenza divina e vuole dare atto di un rinnovamento teologico che in alcune chiese evangeliche è in atto da alcuni decenni. E’ un’occasione di incontro e di confronto alla luce della Croce su cui Cristo è salito per la salvezza di tutte le creature di Dio.

La nostra Comunità cristiana è ora una realtà!

E’ nata a Firenze la prima comunità cristiana affiliata in Italia alla Universal Fellowship of Metropolitan Community Churches cioè alla fratellanza delle Chiese delle Comunità Metropolitane. Si tratta della Comunità cristiana «Agape» Firenze – Chiesa della Comunità Metropolitana (MCC) che è stata accreditata dalla sede centrale (in Florida, USA) a metà novembre (www.mccfirenze.org). Le MCC sono una fratellanza internazionale di congregazioni cristiane, interconfessionali ed ecumeniche, ma su posizioni dottrinali più vicine al protestantesimo fondata a Los Angeles (USA) nel giugno 1969 dal rev. Troy Perry. Ne fanno parte attualmente oltre 250 congregazioni in 24 Paesi, e la fratellanza conduce un’opera missionaria particolare verso tutte le minoranze (etniche, culturali, di genere, di orientamento sessuale) e che attribuisce un particolare significato alla predicazione della giustizia sociale, alla salvaguardia del Creato e al rispetto degli animali. La fratellanza ha uno stato di Osservatore ufficiale nel Consiglio Ecumenico delle Chiese. Nonostante la vulgata comune l’abbia ribattezzata come la «Chiesa dei gay» la MCC è una Chiesa cristiana, che predica l’Evangelo di Gesù Cristo nella sua interezza, nel suo scandalo e nel suo contrasto con il mondo. Come scrive l’apostolo Paolo: “noi predichiamo Cristo crocifisso, che per i Giudei è scandalo, e per gli stranieri pazzia” (1 Corinzi 1,23). Esprime una particolare vicinanza alle persone LGBT e alle loro battaglie per i diritti civili, come il riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso, la celebrazione di questi matrimoni in chiesa, la riflessione sulla sessualità umana, sul fine vita, il lavoro, la giustizia sociale, gli animali e la salvaguardia del Creato, l’aiuto alle persone sieropositive. Primo pastore della congregazione fiorentina (che ha giurisdizione su tutta la Toscana) è stato nominato il piombinese Andrea Panerini, 31 anni, omosessuale dichiarato, laureato in Teologia a Roma presso la Facoltà valdese.
«Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo incarico pastorale – dichiara Panerini – soprattutto per una fratellanza di chiese cristiane democratica e plurale come la MCC. La sfida è difficile, perché si tratta di trarre quasi dal nulla una chiesa cristiana, con l’aiuto del piccolo gruppo che mi ha interpellato e con cui abbiamo dato inizio a quest’avventura. Al di là delle importantissime questioni etiche vorrei che innanzitutto noi fossimo veramente capaci di annunciare il Vangelo di Gesù Cristo a tutti e tutte e di trasmettere l’amore di Dio a ogni Sua creatura.»

Per informazioni sulla MCC Firenze si può consultare il sito http://www.mccfirenze.org, scrivere alle emails info@mccfirenze.org e pastore@mccfirenze.org, telefonare al numero 389.8858211, iscriversi al gruppo di Facebook:
http://www.facebook.com/groups/chiesacomunitametropolitanafirenze/

Biografia del pastore Panerini
Andrea Panerini è nato a Piombino (Livorno) nell’agosto del 1983. Dopo aver conseguito la maturità classica a Piombino si è laureato in Storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Firenze con una tesi su “La Repubblica degli eguali”: la teoria della proprietà nel pensiero politico di Babeuf. Aveva già conseguito nel 2001 un attestato in Scienze sociali rilasciato dall’Università di Pisa. Nel gennaio 2014 ha conseguito la laurea in Teologia presso la Facoltà valdese di teologia di Roma con una tesi su Religione e progresso. Il cristianesimo come culmine della moralità e della spiritualità dell’uomo nel rapporto tra Giuseppe Mazzini e Félicité de Lamennais.
Cresciuto in una famiglia operaia cattolica, tra don Milani e la teologia della liberazione, ha fatto parte durante l’adolescenza e la prima gioventù della Gioventù Francescana e dell’Azione Cattolica. A 23 anni si è convertito all’Evangelo nella confessione protestante non rinunciando, tuttavia, al suo spirito libero, critico e non conformista arrivando alla convinzione che la comunità cristiana è tanto più autentica quando ha meno sovrastrutture. E’ stato Predicatore locale iscritto nei ruoli dell’Unione delle Chiese metodiste e valdesi in Italia, ha compiuto tirocini pastorali ed ha svolto le funzioni di pastore pro tempore per periodi di varia entità con le Chiese valdesi di Firenze, Bobbio Pellice (TO) e Milano e con le Chiese metodiste di Roma (Via XX settembre), Terni e Vicenza.
Dal novembre 2014 è candidato alla sede pastorale della Comunità cristiana “Agape” – Chiesa della Comunità Metropolitana (MCC) di Firenze.
Studioso di Storia dei sistemi politici e costituzionali, di Storia del Risorgimento e di Storia della Chiesa, ha pubblicato numerosi volumi di saggistica e di poesia, tra cui gli ultimi significativi che possiamo citare sono “Litanie arabe” (La Bancarella ed., 2010), la curatela del volume di Giuseppe Mazzini “Dal concilio a Dio e altri scritti religiosi” (Claudiana, 2011), “Elementi così sospetti e poco desiderabili” (La Bancarella, 2012), la storia degli ebrei di Piombino e Val di Cornia sotto le persecuzioni razziali e il pamphlet “Italia, paese cristiano?” (La Bancarella, 2012). Ha anche scritto un saggio su Il Dio di Mazzini nell’antologia di saggi “Mazzini. Vita, avventure e pensiero di un italiano europeo” a fianco di studiosi di livello nazionale ed internazionale quali Giuseppe Monsagrati, Roland Sarti e Anna Villari.
Per contatti diretti: pastore@mccfirenze.org – 389.8858211